Turismo

Presentando le opere di G. Tartini e i suoi contemporanei, il festival risveglia la ricca eredità culturale di questi luoghi. Concerti con noti musicisti creano l'atmosfera prestigiosa del avvenimento, che è dedicato sia agli amanti della musica classica, sia al grande pubblico, al quale tende con brio e anticonformismo.

Il festival rinvigorisce la scena estiva del litorale sloveno, essendo interessante tanto per gli abitanti quanto per i visitatori che desiderano aggradare il proprio soggiorno visitando avvenimenti culturali. Per questo il Tartini festival, in collaborazione con associazioni e imprese turistiche dell'Istria slovena, pianifica e sviluppa il turismo culturale.

Nel 2008 il festival ha partecipato con successo alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano, al Workshop di Torino, e al Workshop del Ufficio sloveno per il turismo congressuale a Milano. I giovani musicisti del programma Junior hanno provveduto al animazione allo stand sloveno e hanno così presentato la Slovenia come una destinazione che tiene conto delle belle arti. Tra il 30 maggio e 2 giugno 2008 una delegazione del festival ha preso parte al primo Workshop di turismo musical ad Ischia, dove hanno partecipato a seminari e ottenuto molti contatti per futura collaborazione. Da notare anche la collaborazione con L'Associazione Turistica di Portorose nella preparazione del progetto “Tartini come un prodotto turistico integrale”.